VALORIZZAZIONE DELLA NATURA E DELL'AMBIENTE

ISEA ONLUS ... VOLONTARI PER PASSIONE

Attività

Progetto Bat Box per Pontecagnano Faiano - edizione 2015

 

Abbiamo rivisitato il nostro progetto, già presentato al Comune di Pontecagnano Faiano nel 2013,

Progetto Bat Box per Pontecagnano Faiano

Duplice è lo scopo per la nostra comunità:

Lotta biologica alle zanzare

Far conoscere meglio i pipistrelli, importante componente della nostra biodiversità

e per comprenderne il ruolo nell’ecosistema e l’utilità anche per l’uomo

 

Settore idrico in Italia: i numeri e le priorità

 

I numeri, le priorità e i suggerimenti tratti dal Rapporto 2014 dell’ Osservatorio sui Costi del Non Fare, presieduto dal professor Andrea Gilardoni del Dipartimento di Analisi delle Politiche e Management Pubblico dell’Università Bocconi, stimano il settore idrico per 49 miliardi di euro.

E’ noto che il settore idrico ha marcate carenze infrastrutturali sia sul fronte degli approvvigionamenti che sul fronte delle perdite nella rete.

Inoltre l’Italia è inadempiente rispetto alle normative della comunità europea.

Le opere urgenti per mettersi in regola con gli adempimenti europei richiedono investimenti per oltre 25 miliardi di euro nei prossimo 5 anni.

Conosciamo l'ambiente? A Pontecagnano Faiano

 

ISEA ONLUS e IL PONTE NUOVO

Propongono un’indagine sulla consapevolezza dei cittadini

 in materia di ambiente e di raccolta differenziata rifiuti solidi urbani

 Conosciamo l'ambiente?

A Pontecagnano Faiano

 

ISEA Onlus e Il Ponte Nuovo propongono un questionario per valutare alcuni aspetti della conoscenza ambientale dei cittadini di Pontecagnano Faiano.

Pochi minuti per conoscere il tuo parere e consentirci di migliorare.

Le informazioni  fornite saranno raccolte in forma anonima e verranno analizzate in forma aggregata nel rispetto della normativa sulla raccolta dei dati personali (D.lgs. 196/03).

Grazie per la tua collaborazione, e buona compilazione.

Per accedere al form online clikka su una delle immagini. 

CENSIMENTO DEI PENDOLARI DI PONTECAGNANO FAIANO - COMUNICAZIONE DEI RISULTATI E DEI PROBLEMI

Progettazione partecipata, dialogo, confronto,informazione, individuazione di obiettivi per

il benessere comune e per il benessere della città.

 

LA PRATICA DEL BOOKCROSSING A PONTECAGNANO FAIANO

Pontecagnano Faiano, 2 ottobre 2014

Al Sindaco di Pontecagnano Faiano Sica dr. Ernesto

All’Assessore alla Cultura e Beni Culturali Ivone dott.ssa Virginia

            Per conoscenza

  Al Segretario Comunale

 

 LA PRATICA DEL BOOKCROSSING A  PONTECAGNANO FAIANO

Egregio signor Sindaco,

Egregio Assessore,

 

I soci di ISEA Onlus promuovono, sul territorio comunale, la pratica del book-crossing che si struttura come una serie d’iniziative, volontarie e completamente gratuite, che uniscono la passione per la lettura e per i libri alla genuina volontà di condivisione, di risorse e di saperi.

Rilasciamo i libri nell’ambiente naturale compreso l’ambiente urbano, affinché siano ritrovati e quindi letti da chiunque. Il semplice atto di “rilasciare” è l’inizio di una nuova avventura, per il libro, per i nuovi lettori, e, perché no? anche per chi lo ha rilasciato in libertà. Mettere in libertà i libri per consentirne la lettura a chiunque: chi ha problemi economici, “pigrizia d’investimento” o semplicemente chi ha una sana curiosità e voglia di conoscenza, senza limiti di sorta.

ISEA Onlus diffonde la pratica del book-crossing poiché rappresenta un modo semplice ed efficace di fare volontariato per favorire, attraverso la lettura, la più spontanea crescita culturale.

Abbiamo innanzitutto chiesto ad alcune attività commerciali di mettere a disposizione un piccolo spazio adatto a divenire un “book’s corner” (angolo del libro). A nostra cura una prima dotazione di volumi con l’invito a diffondere il messaggio “Non buttare o relegare in soffitta il tuo libro: è sicuramente più utile se messo a disposizione della comunità”.

La nostra associazione è convinta che nell’era degli smartphone e degli e-book esista ancora posto per i “vecchi libri”.

La nostra idea, ed anche il nostro grande desiderio, è istituire, con l’indispensabile appoggio morale e logistico del Comune di Pontecagnano Faiano e dell’Assessorato alla Cultura e Beni Culturali, in un primo momento in almeno cinque punti della nostra comunità, un angolo “pubblica libreria”, un’evoluzione del book-crossing: libero, sempre accessibile, collocato nelle piazze per avvicinare i passanti alla cultura. Si potranno prendere i libri e lasciarne altri, senza alcuna registrazione e senza scadenze. 
Siamo fiduciosi di incontrare la condivisione, l’approvazione e il sostegno della nostra idea da parte di codesta Amministrazione e, con l’occasione, porgiamo distinti saluti.

Il Presidente

Antonio De Rosa

 

Leggevamo quattro libri al bar - edizione 2014

     ISEA ONLUS

IN COLLABORAZIONE CON

L’ARTE DEL VIVERE CON LENTEZZA ONLUS

“ LEGGEVAMO QUATTRO LIBRI AL BAR … 2014 ”

 

WI.FI. GRATUITO PER LA COMUNITA’ DI PONTECAGNANO FAIANO

Pontecagnano Faiano, 21 agosto 2014

Al Sindaco di Pontecagnano Faiano Sica dr. Ernesto

All’Assessore alle Innovazioni Tecnologiche Pastore dr. Francesco

Per conoscenza

Ai Consiglieri Comunali

Al Segretario Comunale

 

WI.FI. GRATUITO PER LA COMUNITA’ DI PONTECAGNANO FAIANO

Egregio signor Sindaco,

Egregio Assessore,

In occasione del 150° anniversario dell’unità d’Italia (1861-2011) il Comune di Pontecagnano Faiano nell’ambito dell’iniziativa “150 piazze Wi-Fi”, su iniziativa dell’  Assessorato all’ Innovazione Tecnologica e Comunicazione, ha offerto alla cittadinanza un servizio sperimentale di accesso Internet wireless gratuito.

Il servizio è stato attivo per un periodo di tempo limitato ed è cessato definitivamente il 31/12/2011.

Giova ricordare che il termine Wi-Fi, nel campo delle telecomunicazioni, indica una tecnologia ed i relativi dispositivi che consentono a terminali di utenza di collegarsi tra loro attraverso una rete locale in maniera wireless (WLAN) basandosi sulle specifiche dello standard IEEE 802.11. A sua volta la rete locale così ottenuta può essere allacciata alla rete Internet per il tramite di un router e usufruire di tutti i servizi di connettività offerti da un ISP (Internet Service Provider). Qualunque dispositivo o terminale di utenza (computer, cellulare, palmare, tablet ecc.) può connettersi a reti di questo tipo attraverso appositi dispositivi interni (schede di rete) o esterni (chiavette USB fornite da ISP ad es. Vodafone).

La necessità di connettività a banda larga verso internet è avvertita da parte del cittadino come un bisogno nel suo vivere quale forma di socializzazione, da fruire negli spazi e nei luoghi di aggregazione offerti della città. La percezione del cittadino rispetto all'esigenza di socializzazione caratterizza alcuni aspetti di fruibilità: gratuità, disponibilità di accesso tramite strumenti diffusi ed in suo possesso, velocità,  neutralità rispetto ai servizi, neutralità rispetto ai luoghi. L’accesso senza fili è sicuramente la strada più veloce e diffusiva per portare connettività gratuita ai cittadini.

Internet è colto, specialmente ma non esclusivamente dalla cittadinanza più giovane, come uno strumento di diffusione delle idee e di democrazia. L'accesso ad Internet è percepito come un diritto personale e la connettività a banda larga rappresenta la nuova declinazione del “servizio universale” (definizione usata per indicare il servizio minimo garantito di connettività da offrire inderogabilmente al cittadino, a tutt'oggi solo la telefonia). La diffusione degli smartphone e dei notepad  lo  evidenzia. 

Noi di ISEA Onlus riteniamo che dotare la città di idonea copertura con Wi-Fi gratuito è utile per le nostre imprese e in generale per rendere più appetibile e fruibile la nostra città da parte di tutti i cittadini.

L’informazione deve arrivare ad ogni cittadino ed è possibile contribuire a questo traguardo dando una risposta concreta al diritto di navigazione libera, finalizzata ad una comunicazione democratica e di massa, al fine di poter meglio erogare informazioni e condividere dati. Si tratta di strumento in grado ridurre le distanze tra i cittadini e anche tra l’Amministrazione e i cittadini, uno strumento in grado di favorire la partecipazione e la comunicazione. Il tema dell’innovazione nella nostra comunità va affrontato e finalmente risolto: il Wi-Fi libero rappresenta uno strumento valido per il raggiungimento di questo obiettivo.

L’istanza che noi di ISEA Onlus rivolgiamo a codesta Amministrazione si concretizza nella richiesta di adottare una deliberazione avente ad oggetto “Progetto per la copertura Wi-Fi di alcune aree del territorio comunale. Atto di indirizzo”, intesa ad individuare un operatore interessato a progettare, installare e gestire in proprio e con proprie risorse, un sistema capace di assicurare ad alcune aree del territorio comunale la connettività Wi-Fi al fine di rendere ivi disponibile la navigazione in internet senza fili con ampia fascia di gratuità.

Siamo fiduciosi di incontrare la condivisione, l’approvazione e il sostegno delle nostre idee da parte di codesta Amministrazione e, con l’occasione, porgiamo distinti saluti.

PONTECAGNANO FAIANO E IL BENE COMUNE “ACQUA”

Pontecagnano Faiano, 18 luglio 2014

Al Sindaco di Pontecagnano Faiano

All’Assessore alle Politiche Ambientali

All’Assessore alla Salute e Qualità della Vita

Per conoscenza

Ai Consiglieri Comunali

Al Segretario Comunale

 

PONTECAGNANO FAIANO E IL BENE COMUNE “ACQUA”

Egregio signor Sindaco,

Egregi Assessori

L’acqua è un bene pubblico e non è negoziabile.

Le sollecitazioni rivolte negli ultimi anni a codesta Amministrazione, al fine di modificare lo Statuto Comunale per affermare che l’acqua è un bene comune e che la sua gestione deve restare pubblica e libera dal lucro dei privati, non hanno ottenuto l’attenzione desiderata.

Allo stesso tempo ci permettiamo ricordare che è responsabilità del Comune di Pontecagnano garantire ai cittadini che l’acqua sia sicura e, in subordine, assicurare adeguata comunicazione sulla sua qualità, Ciò presuppone la formalizzazione e l’implementazione di un piano di controllo, che rispetti quanto previsto dalla legge e che preveda rischi specifici, condiviso con gli altri Enti competenti (ARPAC, ASL) e la sistematica individuazione di eventuali azioni di miglioramento e correttive ove ci siano dubbi, inadempienze, dati mancanti non conformità.

Ci permettiamo altresì evidenziare che, a nostro avviso, è indispensabile formalizzare un piano di comunicazione, indirizzato alla cittadinanza e realizzato con il supporto delle associazioni di volontariato presenti in comunità, che riguardi la qualità dell’acqua e il uso sicuro e consapevole nonché virtuoso.

Riteniamo che l’ Amministrazione deve impegnarsi con azioni coerenti che la rendano protagonista: ad esempio promuovendo l’installazione/costruzione delle “case dell’acqua”.

 

Le “case dell’acqua” rappresentano un’opportunità da cogliere. Grazie a progetti indirizzati al Settore Ambiente della Provincia di Salerno molti comuni a noi vicini hanno promosso l’utilizzo dell’acqua pubblica di qualità (ottenendo anche contributi economici dal citato Ente). Progetti che costituiscono un percorso educativo sotto il profilo ecologico, economico e sociale, in quanto il riutilizzo delle bottiglie dell’acqua permette di ridurre alla fonte la produzione di imballaggi e la riduzione della produzione del rifiuto di plastica, inoltre realizza una riduzione della spesa delle famiglie, derivante dall’acquisto di acque imbottigliate, infine permette di riavvicinare la cittadinanza all’acquedotto quale bene pubblico, oltre che luogo di centralità e di incontro sociale, alternativo al centro commerciale.

Il consumo dell’acqua potabile viene garantito dai continui controlli effettuati dalle aziende sanitarie locali in relazione agli standard di qualità e sicurezza, e l’addizione di anidride carbonica e la refrigerazione lo rendono anche più appetibile, sia in termini di gusto che economici, in quanto i costi di erogazione risultano contenuti.

Come funzionano? Il cittadino si reca in questi luoghi appositi con i propri recipienti in vetro, li riempie in autonomia e li porta a casa. Si paga, ma il risparmio è assicurato rispetto all’acquisto delle bottiglie in plastica. L’acqua distribuita da queste particolari fontane è quella dell’acquedotto comunale, ma non è la stessa che esce dai rubinetti di casa, perché viene microfiltrata e sterilizzata con una lampada a raggi ultravioletti che distrugge il DNA dei batteri, mentre un filtro composito, poi, rende l’acqua priva di cloro e gradevole al gusto; dopo essere stata refrigerata, viene messa a disposizione dei cittadini naturale o con l’aggiunta di anidride carbonica, ovvero frizzante.

Siamo di fronte a un concreto esempio di sostenibilità, grazie al quale le abitudini di migliaia di persone cambiano e si modificano per una serie di ragioni:  viene fornita acqua di qualità, si risparmia e si dà una mano all’ambiente, diminuendo la produzione e la circolazione di plastica - risparmio in PET, petrolio, meno TIR sulle strade - e, quindi, le emissioni di CO2 in atmosfera. Insomma, un gesto semplice ma di grande significato economico e ambientale.

Dal punto di vista edilizio le Case dell’Acqua possono essere di diverse tipologie: a casetta, a fontana, a gazebo, a container oppure ad appendice. La scelta, in genere affidata all’Amministrazione Comunale, dipende sovente dall’ambiente in cui l’impianto viene creato. Molto gettonati come location i parchi e gli spazi verdi. Pertanto, alla luce dei vantaggi sopra evidenziati, invitiamo codesta Amministrazione Comunale a prendere in considerazione il progetto “Case dell’Acqua” (ideazione, progettazione e realizzazione effettuate da numerose società pubbliche) già favorevolmente sperimentata in altri Comuni del comprensorio.

Insomma, «l’acqua del sindaco» è buona, economica, controllata, non inquina e aiuta l’ambiente.

Siamo fiduciosi di incontrare la condivisione, l’approvazione e il sostegno delle nostre idee da parte di codesta Amministrazione e, con l’occasione, porgiamo distinti saluti.

Il Presidente

Antonio De Rosa

Previous Next

Parlano di noi: Il negozio passamano

 

Articolo pubblicato su IL PONTE NUOVO n. 3 del 2014.

Dettagli al seguente link: ilpontenuovo

NUOVI STILI DI VITA



NUOVI STILI DI VITA

PICCOLI CONSIGLI PER GRANDI RISULTATI

Divulgare  informazioni.

Sollecitare ad assumere un comportamento corretto.

Per l’energia, per l' ambiente.
Per uno sviluppo sostenibile. 

 

  

SALVIAMO LA TERRA - PIANTIAMO UN ALBERO

SALVIAMO LA TERRA - PIANTIAMO UN ALBERO

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso. (Confucio)

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa.  Il secondo momento migliore è adesso. (Confucio)

BATTIPAGLIA DICE NO

BATTIPAGLIA DICE NO

SODALIS CSV SALERNO

SODALIS CSV SALERNO

CSV NET

CSV NET

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU YOUTUBE

SEGUICI SU YOUTUBE
isea-onlus.png
009-5x1000-png.png
isea-onlus---contatti.png
002-logo-png.png

ISEA Onlus - Come passi il tuo tempo

o.png
isea-onlus---note-legali.png
isea-onlus---privacy-policy.png
062---faq.png