VALORIZZAZIONE DELLA NATURA E DELL'AMBIENTE

ISEA ONLUS ... VOLONTARI PER PASSIONE

L' angolo del Presidente

Alberi monumentali a Pontecagnano Faiano

Dovendo dare corso ad una Legge dello Stato (14.01.2013 n. 10) l’Amministrazione del nostro Comune ha dovuto individuare sul nostro territorio soggetti arborei aventi caratteristiche morfologiche e/o ornamentali riconducibili ai termini di monumentalità.

Parliamo di inquinamento acustico

Alcune nozioni di acustica 

Chiamiamo suono la sensazione dovuta alla percezione delle onde sonore. Quando un corpo vibra,le vibrazioni si trasmettono al mezzo in cui il corpo si trova (l´aria, l´acqua o un mezzo solido), si vengono a formare così delle onde (cioè un alternarsi di pressioni e depressioni) che presentano alcune caratteristiche dovute alla sorgente sonora e al mezzo nel quale si propagano.

Le principali caratteristiche da prendere in considerazione sono:

  • la frequenza: è il numero delle vibrazioni nell´unità di tempo e si misura in Hertz (1 Hz = 1 vibrazione al secondo). L´uomo ode i suoni tra i 20 (soglia dei suoni gravi) e i 20.000 Hz (soglia dei suoni acuti).
  • l´intensità sonora: è il livello di pressione delle onde sonore. L’ intensità viene espressa in decibel (dB): 0 indica il limite di pressione sonora in cui un suono di 1000 hertz non viene udito dal nostro organismo. A 130 dB il suono viene avvertito come dolore. La scala dei decibel è una scala logaritmica perché la nostra sensazione uditiva corrisponde al logaritmo dell´intensità sonora. Quindi ogni 10 dB di intervallo si ha un raddoppio dell´intensità sonora, ma poiché la sensazione che il nostro organismo percepisce è circa il logaritmo dell´intensità sonora la scala dei dB corrisponde alla nostra sensazione di tale intensità (che è una scala aritmetica).

L´intensità sonora decresce con il quadrato della distanza

Suoni di uguale pressione sonora ma di diversa frequenza vengono percepiti dal nostro organismo come se avessero diversa intensità

Il rumore fa male alla salute

Volontariato individuale

Grande attenzione c’è sempre stata da parte di Sica e soci al volontariato e al mondo associativo.

Si tratta di  un mondo che rappresenta realtà trasversali di pensieri, in grado comunque di incidere profondamente nel tessuto della nostra comunità.

Colpo di genio la deliberazione del consiglio comunale n. 24 del 5.7.2011: approvazione regolamento per utilizzo del volontariato individuale in attività di pubblica utilità.

Colpo di genio in quanto l’oggetto del consiglio comunale fu approvato all’unanimità, coinvolgendo maggioranza e opposizione.

Colpo di genio in quanto l’opposizione certamente non valutò criticamente l’atto da votare.

Il volontariato individuale significa che viene istituito un elenco dei volontari singoli a cui si può iscrivere chiunque sia desideroso di prestare la propria attività in modo volontaristico contribuendo alla realizzazione di finalità di interesse pubblico e non riconoscendosi in alcuna associazione. Il comune deve garantire l’assicurazione, il rimborso spese documentate.

Il gioco pontecagnanese chiamato "guardie e ladri"


Alla giunta Sica è sempre piaciuto giocare. Ricordiamo in tutti questi anni feste, sagre, giochi e fuochi pirotecnici. Abbiamo spesso sentito commentare i pontecagnanesi  in maniera positiva: il nostro Sindaco è un giocherellone.

A dire il vero la madre premurosa porta il proprio figlio ai giochi a pagamento e paga di tasca sua. Lo stesso non si può affermare relativamente alla nostra amministrazione. Paghiamo sempre noi cittadini e troppo paghiamo troppo per ottenere in cambio troppo poco. Non è un delitto, certo. Ma le risorse andrebbero indirizzate dove c’è un beneficio per l’intera comunità, ad esempio sistemando le tantissime strade dissestate, creando dove mancano i marciapiede, la segnaletica orizzontale, etc. etc..

Uno dei giochi preferiti – caso più che unico in tutta Italia – è quello chiamato “guardie e ladri”.

Consiste nel far finta di prendere i ladri e di inventarsi guardie oltre ogni plausibile decenza amministrativa.

Le storie tristi della comunità fantasma

La nostra comunità, abbandonata al degrado e alla decadenza assoluta.

Mentre in tutta la cittadina è un fiorire di nuovi insediamenti edilizi e cementificazione selvaggia, ecco alcune immagini di storie tristi.

       

Pensilina fermata bus a meno di cinque metri dall'ingresso del plesso scolastico in via Dante.

Pericolosissima.

Chi pensa all'incolumità dei bambini?

Il playground, unico vero ambiente dove è possibile giocare: campetto basket plesso scolastico zona stazione FFSS.

Sistemare il canestro costa il 10% del costo di uno dei tanti, inutili, convegni che l'amministrazione cittadina somministra con certosina cadenza.   

Centralissima strada - doppio senso di circolazione - molto utilizzata e a scorrimento veloce nei pressi della stazione FS.

Incomprensibile la mancanza di segnaletica orizzontale.

In generale su molte strade manca la segnaletica orizzontale. Molto avvertita tale assenza in zona Cimitero.

La piccola vittoria della cittadinanza partecipata

Abbiamo tante volte sollevato il problema delle infiltrazioni di acqua piovana alla stazione ferroviaria di Pontecagnano Faiano.

Le nostre continue istanze hanno certamente dato una mano alla decisione di RFI: lavori in corso !

Gli operai impegnati nei lavori alla stazione FS ci hanno confermato che l'intervento è finalizzato alla eliminazione delle attuali "cascate" di acqua.

Per noi di ISEA Onlus, come già successo per l'installazione della pompa nel sottopasso sempre alla stazione FS di Pontecagnano, e come successo quando è stata ripristinata la copertura della fermata dei bus sul ponte sul fiume Picentino, si tratta della vittoria della cittadinanza partecipata.

Riteniamo, con le nostre istanze e con i nostri suggerimenti, di dare un piccolo aiuto alla nostra comunità.

Ci scusiamo con i cittadini di Pontecagnano che chiedono alle associazioni locali di organizzare partite di calcetto e feste nei giardini: noi non ne siamo capaci.

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso. (Confucio)

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa.  Il secondo momento migliore è adesso. (Confucio)

BATTIPAGLIA DICE NO

BATTIPAGLIA DICE NO

SODALIS CSV SALERNO

SODALIS CSV SALERNO

CSV NET

CSV NET

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU YOUTUBE

SEGUICI SU YOUTUBE
isea-onlus.png
009-5x1000-png.png
isea-onlus---contatti.png
002-logo-png.png

ISEA Onlus - Come passi il tuo tempo

o.png
isea-onlus---note-legali.png
isea-onlus---privacy-policy.png
062---faq.png