VALORIZZAZIONE DELLA NATURA E DELL'AMBIENTE

ISEA ONLUS ... VOLONTARI PER PASSIONE

Sicurezza Alimentare

Quando il cibo ci fa morire: sicurezza alimentare, un’emergenza silenziosa

Oggi, nel mondo, quasi una persona su dieci (600 milioni di persone) si ammala a causa del cibo mangiato e 420.000 persone muoiono ogni anno

14 Feb 2019

Il cibo non sano crea un circolo vizioso di malattia e malnutrizione, che colpisce in particolare i neonati, i bambini piccoli, gli anziani e i malati. E come sempre, i più colpiti sono i bambini sotto i 5 anni di età che sono vittime del 40% dei casi di malattie di origine alimentare, con 125.000 decessi ogni anno
 

La rivoluzione (che non c’è) contro lo spreco alimentare

Oggi ricorre la V Giornata nazionale di prevenzione: secondo l’Ispra, per affrontare alla radice il problema dovremmo «focalizzare l’attenzione sull’importanza della autosufficienza alimentare e dello sviluppo coordinato di sistemi alimentari locali resilienti»

[5 febbraio 2018]

Si celebra oggi la V Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, istituita per tenere alta l’attenzione contro un problema ambientale ed economico (oltre che un dramma sociale) che ha assunto ormai dimensioni drammatiche.

Come ricordano oggi l’Ispra e l’Arpat citando dati Fao, a livello globale vengono sprecate circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo, di cui l’80% ancora consumabile. Di questo miliardo, 222 milioni sono le tonnellate di cibo che vengono sprecate nei Paesi industrializzati: una cifra che, da sola, sarebbe sufficiente a sfamare l’intera popolazione dell’Africa Sub-sahariana. Inoltre, lo spreco alimentare è responsabile dell’emissione di 3,3 miliardi di tonnellate equivalenti di anidride carbonica emesse ogni anno in atmosfera (una quota inferiore solo a quella emessa dalle economia di Usa e Cina).

Partiamo dal cibo che compriamo per cambiare il clima

25-09-2017

Le parole di Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, sul clima hanno fatto da apripista: «Non c’è qualità alimentare senza rispetto dell’ambiente». E l'associazione ha lanciato "Menu for Change", campagna internazionale sul rapporto tra cambiamento climatico e cibo.

Partiamo dal cibo che compriamo per cambiare il clima

Kitchen social club, l’arma contro il cibo industriale è il saper fare contadino

kitchen social club

Nel libro Kitchen social club, Don Pasta ci porta in viaggio per l'Italia per conoscere persone che producono cibo pulito e senza sfruttamento: un movimento per resistere al capitalismo industrializzato.

25 storie di eccellenze e di resistenza in campo agro-alimentare, dalle arance allo zafferano. In Kitchen social club il dj, artista e attivista del cibo Don Pasta esplora l’Italia in tutta la sua lunghezza per raccontare esempi virtuosi di cuochi, contadini, pescatori, reti solidali, consumatori, osterie e spazi occupati che, attraverso attività di produzione agricola e trasformazione del cibo, si sono ribellati al sistema del capitalismo industrializzato che governa i nostri campi e le nostre diete. I metodi e le materie prime differiscono ma tutte le realtà hanno in comune l’obiettivo di creare prodotti sani e puliti cresciuti e lavorati nel rispetto della natura e delle persone.

Olio extra vergine di oliva. Progetto di norma della Commissione Agroalimentare

La Commissione Agroalimentare è interessata al progetto di norma UNI1603053 “Olio extra vergine di oliva - Determinazione del contenuto di idrossitirosolo e tirosolo negli oli extravergini di oliva”, di competenza del GL 18 “Oli, grassi animali e vegetali e loro sottoprodotti, semi e frutti oleaginosi”.
Il beneficio che si attende dalla futura norma riguarda la dichiarazione nutrizionale degli oli. Il contenuto in idrossitirosolo e tirosolo totali determinati con il metodo proposto è basato sull’idrolisi completa delle forme naturali peculiari dell’olio extra vergine di oliva “esteri secoiridoidi derivanti dall’oleuropeina e dal ligstroside” che contengono i due alcoli e sul loro dosaggio mediante l’utilizzo di calibrazione esterna.

olive-oil-w-olives

Food ReLOVution, il film. Cosa mangiamo e cosa si nasconde dietro a ciò che mangiamo

"Food reLOVution" è il nuovo film del regista Thomas Torelli. Il filo logico che percorre questo lavoro è la parola “connessione”. Ed è proprio un pensiero di connessione che manca alla maggior parte di noi. Connessione con il pianeta che ci ospita: con la terra, il mare, l'aria che respiriamo, gli altri esseri umani, gli animali, le piante.

Food ReLOVution, il film. Cosa mangiamo e cosa si nasconde dietro a ciò che mangiamo

E la connessione manca perché troppi sono ormai i passaggi tra noi e ciò che mangiamo. Abbiamo perso i profumi, le forme, il contatto con ciò che mettiamo nel piatto. Non siamo più in grado di capire di cosa ci nutriamo tanto è trattato, trasformato, reso appetibile e “buono” in modo artificiale, spesso irriconoscibile.

Food Relovution è un'opera di perfetto equilibrio che riesce a rlare delle verità nascoste dietro il consumo di carne senza sembrare un prodotto da crociata vegana, che riesce a porre la questione della produzione e del consumo del cibo a livello mondiale evidenziandone le mostruosità senza usare la facile leva della sola emotività momentanea e superficiale. Il consumo di carne negli ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale ed è andato di pari passo con l'aumento delle malattie cardiovascolari, dell'obesità, del diabete, del cancro. Il consumo di carne, però, non significa solo questo. E', appunto, connesso anche allo sfruttamento senza limiti e senza sosta delle risorse naturali, all'emissione di gas serra così pericolosi per l'equilibrio ambientale e climatico e a un approccio profondamente disumano nei confronti degli animali. 

LASCIAMOLA SENZ'ACQUA, LA ZANZARA TIGRE

LASCIAMOLA SENZ'ACQUA, LA ZANZARA TIGRE

PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO

PROPOSTA REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO

CARTA DEI PRINCIPI AMBIENTALI

CARTA DEI PRINCIPI AMBIENTALI

BIBLIOTECA A CIELO APERTO

BIBLIOTECA A CIELO APERTO

ALBERIAMO PONTECAGNANO

ALBERIAMO PONTECAGNANO

EVENTO ALBERIAMO PONTECAGNANO

EVENTO ALBERIAMO PONTECAGNANO

PROGETTO BAT BOX PER PONTECAGNANO

PROGETTO BAT BOX PER PONTECAGNANO

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso. (Confucio)

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa.  Il secondo momento migliore è adesso. (Confucio)

CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI PONTECAGNANO FAIANO

CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI PONTECAGNANO FAIANO

RADIO PONTE RE-GENERATION

RADIO PONTE RE-GENERATION

SODALIS CSV SALERNO

SODALIS CSV SALERNO

CSV NET

CSV NET

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU YOUTUBE

SEGUICI SU YOUTUBE
isea-onlus.png
009-5x1000-png.png
isea-onlus---contatti.png
002-logo-png.png

ISEA Onlus - Come passi il tuo tempo

o.png
isea-onlus---note-legali.png
isea-onlus---privacy-policy.png
062---faq.png